Case gratis in Giappone

Vuoi una casa gratis in Giappone? Risveglio amaro per il Giappone che sembra rendersi conto solo ora di avere sparse nel suo territorio oltre 10 milioni di case vuote!   

Queste case “vuote” non sono (come si potrebbe pensare) di proprietà del governo ma perlopiù sono abitazioni rimaste senza inquilini.

Si possono considerare case abbandonate o perché non si trovano conduttori a cui affittare o perché i vecchi proprietari nella maggior parte dei casi sono defunti (oppure non hanno eredi).

Anche nel “Sol Levante” la demografia pare sia in forte calo, questo significa che le case “abbandonate” saranno destinate ad aumentare, sopratutto a Okutama, una città quasi “fantasma” visto che le case sfitte sembrano essere molte.

Requisiti per avere la casa gratis in Giappone

Per  richiedere una casa gratuita nel “Sol Levante” non servono requisiti particolari e la possibilità è aperta anche a noi Italiani.

I requisiti fondamentali sono:

  • Avere meno di 40 anni
  • Avere un figlio minorenne
  • Dimostrare l’intenzione di trasferirsi definitivamente in Giappone
  • Investire nella ristrutturazione

La città di Okutama che citavamo sopra conta circa 3000 case e oltre 400 sono vuote o comunque disponibili ad essere occupate, logicamente molte versano in cattive condizioni proprio perché sono sfitte o comunque non occupate da diverso tempo.

Le case offerte in regalo o comunque a prezzi stracciatissimi sono perlopiù in zone rurali, dimentichiamoci il lusso delle città orientali (tipo Tokio) e pertanto dovrete “addattarvi” .

Adattarvi non significa cambiare vita ma va ricordato che una vita in campagna rimane sempre un’idea molto affascinante, sopratutto per le coppie molto giovani.

La situazione in Italia?

Anche in Italia ci sono situazioni simili , molti borghi destinati a scomparire sono offerti a prezzi stracciati e in alcuni casi proprio in regalo dalle amministrazioni comunali.

Cosa serve per avere una casa in regalo in Italia?

I luoghi dove trovare una casa in regalo in Italia sono bellissimi… e quindi?

Serve una buona dose di “eremitaggio” perché proprio come in Giappone queste zone sono fuori dalle città e anche dalle periferie pertanto o possiamo trasferirci col nostro lavoro (chi lavora in proprio) oppure dovremo attendere la pensione!

Michele

Mi chiamo Michele Bozzo, sono un consulente informatico dal 2001 e con passione mi occupo di informatica, blog e sopratutto di wordpress. La mia passione per questo settore mi ha portato a progettare Tartacasa.it con l'intento di voler aiutare sempre più persone nella gestione della casa, tasse, arredamento, fai da te.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *