17 Dicembre, IMU e TASI

Il 17 dicembre 2018 è il termine per regolarizzare il pagamento di IMU e Tasi.

imu tasi 2018

Il saldo di IMU e Tasi coinvolgerà i proprietari di immobili, un introito previsto di 10 miliardi e che stranamente quest’anno non prevede aumenti.

Cosa cambierà dal 2019?

Dal 2019 però le cose potrebbero (il condizionale è d’obbligo) cambiare, difatti potrebbe venir ridata la possibilità ai comuni di aumentare le aliquote… quindi aumenti all’orizzonte?

IMU e TASI, cosa sono?

Facciamo un pò di chiarezza , cosa sono IMU e TASI?

L’IMU  è l’Imposta municipale propria e si versa esclusivamente per il possesso dell’immobile.

La TASI è il Tributo per i servizi indivisibili ed è un tributo che va versato al Comune per garantire i servizi erogati dall’ente e utilizzati da tutti i cittadini perché non rispondono a una utenza specifica, come per esempio, la pubblica illuminazione, la sicurezza delle strade, trasporto scolastico ecc.

Chi deve pagare e chi no

L’IMU e la TASI non si pagano sulla prima casa e sulle relative pertinenze come box, posti auto, cantine e solai per tutte le case che rientrano all’interno di alcuni parametri catastali.

Sono comunque obbligati a pagare le cosiddette “immobili signorili”.
Come fare a sapere se il nostro immobile rientra in una categoria di pregio ossia se è un immobile signorile?
Sarà sufficiente attraverso una visura catastale vedere in che categoria è “disposto” il nostro alloggio, per esempio:

  • Immobili signorili (A/1)
  • Ville (A/8)
  • Castelli e palazzi (A/9)

IMU e TASI si pagano invece per tutte le seconde case, per approfondire vi invito a leggere questo post “Le tasse sulla seconda casa” , nella sezione fisco e leggi.

Michele

Mi chiamo Michele Bozzo, sono un consulente informatico dal 2001 e con passione mi occupo di informatica, blog e sopratutto di wordpress. La mia passione per questo settore mi ha portato a progettare Tartacasa.it con l'intento di voler aiutare sempre più persone nella gestione della casa, tasse, arredamento, fai da te.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *